Land Art tra i vigneti.

 

Castelnuovo Calcea, nel cuore di un sito recentemente dichiarato Patrimonio dell’Umanità, i Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, è un piccolo comune che non raggiunge i mille abitanti, dove trascorse l’infanzia più di due secoli fa il poeta e drammaturgo Angelo Brofferio. In questa terra sorge il più grande museo realizzato a cielo aperto tra le vigne: qui natura, arte e vino dialogano amichevolmente grazie alla creatività degli artisti di livello internazionale coinvolti nel progetto. Si tratta dell’Art Park La Court. Creato nel 2003, il parco si sviluppa per venti ettari di vigneti con installazioni artistiche dedicate ai quattro elementi: Terra, Aria, Acqua e Fuoco.  Andiamo dunque alla scoperta di questo luogo e di chi, in questa terra, ha realizzato il suo sogno imprenditoriale.

 

cipressi michele chiarlo

 

I vigneti, e l’idea del parco, sono di Michele Chiarlo, un’azienda vitivinicola che racconta valori, speranze e passione di una famiglia e affonda le sue radici nel lontano 1898, quando nasce, a Bubbio, Pietro Chiarlo. È lui che, quarant’anni dopo, intuisce le potenzialità del vino nello sviluppo del territorio e si dedica alla coltivazione dei primi vigneti.  Il figlio Michele segue le sue orme, puntando sul vino di qualità e in modo particolare sulla Barbera, il grande vino piemontese per eccellenza. La storia è quella di chi crede in un sogno, in un’intuizione, e tra fatiche e soddisfazioni esce dai confini nazionali consolidando il successo ottenuto ed espandendo in modo particolare la fama della Barbera d’Asti.

L'arte in collina.

L’azienda cresce e negli anni Novanta acquisisce la Tenuta La Court, a Castelnuovo Calcea, dove si trova oggi l’Art Park. In questo angolo di Piemonte si concentrano gli sforzi della famiglia. Non è vissuto infatti come semplice luogo di produzione, ma come luogo in cui paesaggio, vino e comunità entrano in comunicazione tra loro, fino ad abbracciare l’arte. La Land Art, quella forma artistica in cui la natura diventa strumento, spazio espositivo e oggetto stesso dell’opera, trova qui un modo tutto particolare di esprimersi attraverso le opere di artisti come Emanuele Luzzati, Ugo Nespolo e Chris Bangle, il padre delle famose panchine giganti.

 

sito fuoco

Terra, Acqua, Fuoco, Aria.

All'interno del parco, la Cascina La Court ospita degustazioni, mostre ed eventi, coinvolgendo tutta la comunità e creando un legame stretto con il territorio. All’inizio del percorso, incontriamo la prima imponente installazione, Madre Natura, di Emanuele Luzzati. Proseguendo tra i filari, godendo della dolce e tiepida brezza di inizio estate, si incontrano i siti dedicati agli altri elementi: Acqua, Fuoco, Aria. E le opere di altri artisti come la Porta sul Vigneto di Ugo Nespolo, l’osservatorio o la Big Bench del già citato Chris Bangle.

Naturalmente in quella che vuole essere un’esperienza multisensoriale, non possiamo dimenticarci del gusto. E allora è d’obbligo fermarsi a degustare il frutto di tanta passione e lavoro!

 

Sito web di approfondimento del parco: www.michelechiarlo.it

 

collage primi sui motori

banner website mobile

banner ecommerce mobile

 CULLA DI BACCO